Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

ASTALAMINGHIA COMPANÊROS
******
GANGAROZZO: “Inghia... questi leghisti sempre più hard sono... e menomale che gli Armaluzzi erano i grillini... che dice che erano selvaggi i grillini...”

STRAZZAPINNA: “Inghia... qui serve subito un esorcista. Un esorcista o almeno un domatore... un domatore di crasti!!!”
SGRAMMATICO: “I leghisti, come dice la canzona di Alberto, (detto Goran Zzrebbrègovich) Lupo e Mina... "palóre palóre palóre" si chiama la canzona, “se non ci sarebbero bisognasse inventarli...”
STRAZZAPINNA: “Ma siccome ci sono, almeno questo pensiero di inventarli possiamo dire che non ce l’abbiamo...”
SGRAMMATICO: "Ma questi leghistici che hanno ruoli istituzionali, non hanno una pessona che cci vuole bene e cci dice: "Amore questo lo puoi fare... questo no... questo lo puoi scrivere... questo no". Inghia, se hanno ruoli istituzionali, un poco di cauterizzazione cci vuole. Non è che sono come noi che le minghiate che scriviamo non ce le legge nemmeno la mamma... ma poi, a questo governatore Fontaniere, come cci è sperciata (1) questa cosa della mascherina???"
VAJINO: “Inghia. A Virità”.
(1) Voce del verbo sperciàre o spirciàre. Indica il concetto di "venire in mente", nel senso di idea che viene in mente (non nel senso di ricordo che viene in mente). C'è anche, in genere, una venatura di critica e di stupore che si traduce con "Ma che minghia ti è venuto in mente???" (usando "sperciàre" sarebbe: come ti "spircià???")
Dal Gangarozzo-Oli, pag. 4444, 16esimo rigo.

L'immagine può contenere: una o più persone, primo piano e spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, testo

Add comment

Security code
Refresh