SMISURATA TELEFONATA

Pronto Gesù, ci sei???

Ti prego, ritorna sulla Terra,qui le cose si sono messe molto male,non solo per l’emergenza sanitaria!!!

Abbiamo un’emergenza economica che non risparmierà nessuno; abbiamo un’emergenza ambientale le cui conseguenze, le stiamo pagando sulla nostra pelle: da anni assistiamo impotenti alla scomparsa di amici e parenti giovani e meno giovani; abbiamo un’emergenza di umanità e di valori, che si stanno perdendo; abbiamo un’emergenza di onestà intellettuale che non si trova più neanche a prezzi scontati; abbiamo un’emergenza di buone maniere: dal saluto, al “grazie”, alle scuse dovute, ai “sorrisi” di chi non si arrende, ai “visi cupi” di chi già si è arreso.

Pronto Gesù ci sei?

Cosa??? Gli uomini e le donne, sono rimasti quelli che hanno scelto Barabba e hanno fatto ammazzare te?

Si, hai ragione. Per questo è necessario che tu intervenga: per aiutare l’animo umano a volare alto e lontano da pregiudizi, da luoghi comuni, dalle calunnie e dalle bugie.

Ti prego Gesù, liberaci dal male, dalle cattive tentazioni, ma soprattutto, adesso, liberaci dal coronavirus, e anche dai virus, portatori delle miserie umane.

Pronto Gesù?? Ci sei?? Cosa? Il libero arbitrio? No, dai, ti prego, se fossimo in grado di gestire il libero arbitrio, ti pare che saremmo arrivati a questo punto?

Avrei altro da dirti, per esempio che se non ci sarà il tuo intervento miracoloso, il mondo si fermerà ad un dialogo tra sordi perché nessuno ascolta nessuno e tutti, o quasi, credono di essere i messaggeri della verità assoluta.

Tanti di loro credono di essere Dio. Si, tuo Padre.

Se non hai tempo di scendere, facci dono del grande mare dell’umiltà,in cui ognuno di noi, volendo, potrà fare il suo bagno quotidiano per liberarsi dall’egoismo e scoprire che l’unico Eterno sei tu, tutti gli altri siamo esseri mortali. Chissà, magari ricordando che la vita non è eterna, e che,un giorno,tutti finiremo davanti al cospetto di tuo Padre, ci daremo una bella calmata: a riflettere di più su quello che abbiamo fatto, o su quello che ancora possiamo fare; oppure semplicemente mettere in seria discussione le nostre convinzioni e, ripensarle in modo collettivo, per salvarci tutti insieme.

Gesù, un’ultima cosa: se decidi di ascoltarmi, se decidi di scendere, non andare in Israele, ricordi la prima volta com’è finita?

Vieni in Italia,e se puoi, scegli la Calabria, di sicuro, l’accoglienza e il calore umano non ti mancheranno.

17 aprile 2020

Maria Adele Buccafusca

Da non credente aggiungo solo che dovremmo avere il coraggio di ascoltarci mentre recitiamo l’unica preghiera che ci ha lasciati Gesù (almeno secondo le Scritture considerate Sacre) ed avere più coraggio nel mettere in atto le parole con le quali ci rivolgiamo al “Padre Nostro”

Nicolò Vignanello


Add comment

Security code
Refresh