Forum Informatica Libera

Versione completa: antivirus per Lubuntu
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
ciao, apri il terminale e digita clamtk e dai invio così il terminale ti mostrerà l'errore o gli errori che non lo fanno partire. Copia gli errori (nel terminale seleziona il testo e poi copia con ctrl-shift-c) e incollali su google, magari trovi subito la soluzione
grazie Gius 
E' una cosa che di solito faccio anche io, inserire l'errore su Google, ma stavolta sono troppi e non credo posso trovare una risposta, come vedi sotto 

"massimo@Spacer:~$ clamtk
Base class package "HTTP::Message" is empty.
    (Perhaps you need to 'use' the module which defines that package first,
    or make that module available in @INC (@INC contains: /etc/perl /usr/local/lib/x86_64-linux-gnu/perl/5.34.0 /usr/local/share/perl/5.34.0 /usr/lib/x86_64-linux-gnu/perl5/5.34 /usr/share/perl5 /usr/lib/x86_64-linux-gnu/perl-base /usr/lib/x86_64-linux-gnu/perl/5.34 /usr/share/perl/5.34 /usr/local/lib/site_perl).
at /usr/share/perl5/HTTP/Request.pm line 8.
BEGIN failed--compilation aborted at /usr/share/perl5/HTTP/Request.pm line 8.
Compilation failed in require at /usr/share/perl5/LWP/UserAgent.pm line 9.
BEGIN failed--compilation aborted at /usr/share/perl5/LWP/UserAgent.pm line 9.
Compilation failed in require at /usr/share/perl5/ClamTk/Analysis.pm line 21.
BEGIN failed--compilation aborted at /usr/share/perl5/ClamTk/Analysis.pm line 21.
Compilation failed in require at /usr/bin/clamtk line 22.
BEGIN failed--compilation aborted at /usr/bin/clamtk line 22."

Grazie lo stesso comunque.
ciao massimo, premetto che non ho alcuna esperienza in questo caso e quindi ti sottopongo le mie ricerche, quelle che a mio parere mi sono sembrate le più coerenti, e i miei successivi ragionamenti, deciderai tu se e come utilizzarli.

questo è il primo: https://askubuntu.com/questions/700521/t...untu-15-10
al pacchetto perl mancano dei moduli, nel tuo caso il modulo http::message che è empty-vuoto, e la soluzione è reinstallare il pacchetto perl-base scaricandolo da kernel.org (la tua versione di perl è 5.34.0).
Possibili dubbi sull'esito di questa soluzione: è datata (si riferisce a ubuntu 15.10) e non riguarda direttamente il tuo modulo (http::message)
A tuo supporto posto qui di seguito l'esito del comando perl -e "print qq(@INC)" eseguito sul mio pc (ubu 20.04, perl 5.30.0, clamtk installato e funzionante):
/etc/perl /usr/local/lib/x86_64-linux-gnu/perl/5.30.0 /usr/local/share/perl/5.30.0 /usr/lib/x86_64-linux-gnu/perl5/5.30 /usr/share/perl5 /usr/lib/x86_64-linux-gnu/perl/5.30 /usr/share/perl/5.30 /usr/local/lib/site_perl /usr/lib/x86_64-linux-gnu/perl-base

il secondo è quest'altro: https://stackoverflow.com/questions/6702...14-to-5-28
dopo un upgrade al pacchetto perl manca il modulo local::lib, la solluzione è la seconda, quella col baffetto verde, installa un programma perlbrew (presente nei repository di ubuntu) e con questo installano il modulo cpanm e poi installano il modulo mancante.
Possibili dubbi: non mi convince nella parte centrale dove cambiano un percorso-path, non è detto che sia adatto per il tuo caso.
In questo senso mi convincerebbe di più la prima risposta (che però è senza baffetto), laddove installano il modulo col comando cpan (nel tuo caso dovrebbe essere sudo cpan install HTTP::Message perché c'è scritto che è case sensitive quindi http e HTTP sono due cose diverse); leggendo il manuale di cpan (dal terminale man cpan) vedo che ci sarebbe anche la possibilità di forzare l'installazione del modulo con -f -i e la possibilità di vedere la lista dei moduli installati con -l è una elle minuscola).

Mi spiace non esserti di maggiore aiuto. Ciao
Buongiorno Gius
Grazie per la tua risposta e per le tue ricerche, sicuramente mi saranno utili, ma per ora non posso provarle perchè a giorni dovrei sostituire l'hd con un ssd quindi reinstallare tutto, ma resta tutto nella guida e con la prossima reinstallatone provo ad installare clam e vedere che succede.
Grazie ancora Gius gentilissimo.
di nulla, tolgo il "risolto" perché in effetti risolto non è e potrebbe creare un equivoco ai lettori di questa discussione.

ciao
Grazie Gius
In effetti hai ragione, ho provato dopo aver reinstallato tutto e sembra ci sia riuscito ad installare clamav
Ho letto in giro però che Clamav "lavora" insieme a Klamav, è vero? Che cambia?
Ora sono "protetto" con tutto quello che potrebbe infettarmi, quindi malawar, virus, troyan, ecc?
Un ultima cosa, per la scansione, visto che la devo fare per cartella, in quale cartella di solito si nasconderebbero eventualmente i virus ed altro? Per evitare di scansionare tutta la HOME per nulla.
Grazie a te e a tutti per l'attenzione
Buona giornata
ciao, per la prima domanda: cambia solo l'interfaccia grafica, Klamav è Clamav per ambiente grafico KDE, il "motore" è assolutamente uguale.
seconda domanda: non ti so rispondere, io lo uso spot per verificare file che scarico da internet la cui provenienza potrebbe essere dubbia; so che ha dipendenze "demoni", cioè pezzi di software aggiuntivo che lavorano in background, ne ricordo una che monitora le email, ma non mi servono e non le ho mai provate. In effetti ci sono tante "storie" carine ma significative sui pc protetti, ad esempio un pc protetto è un pc spento oppure il bug più pericoloso per un pc si trova fra sedia e tastiera. Quindi occhio ai siti che frequenti, alle email che ricevi, ai link che clicchi, ai file che scarichi, alle finestre a cui clicchi ok o yes senza aver letto e pensato alle possibili conseguenze dei sì che dai.
terza domanda: come ti ho detto io lavoro spot, ogni tanto mi è capitato di fare scansione ricorsiva (quindi anche delle sottocartelle) della root (ci vuole però il comando sudo ed è molto pericoloso) e della home, anche perché i virus (ma ci sono anche i malware, i keylogger, ecc ecc) non hanno una cartella preferenziale, anzi i loro programmatori tendono a radicarli nei posti più impensati proprio per sottrarli ad eventuali controlli (ovviamente).

aggiungo un consiglio che io applico poco con me stesso: se hai questi (giusti) timori, ricordati di fare periodicamente un backup dei file che ti stanno maggiormente a cuore (dopo averli scansionati con l'antivirus però).

ciao
(10/02/2024, 12:17)Massimo1968 Ha scritto: [ -> ]Grazie Gius
Ora sono "protetto" con tutto quello che potrebbe infettarmi, quindi malawar, virus, troyan, ecc?
Un ultima cosa, per la scansione, visto che la devo fare per cartella, in quale cartella di solito si nasconderebbero eventualmente i virus ed altro? Per evitare di scansionare tutta la HOME per nulla.

Forse bisogna fare una precisazione: clamv (come tutti gli antivirus linux) e' un programma che cerca "malaware, virus, troyan" che hanno effetto su windows.  Se tu uitlizzi linux come sistema operativo, non hai bisogno di un antivirus.   Il problema nasce se tu, quel file con un virus windows, lo condivi/invii con qualcuno che utilizza windows (ad esempio, documenti condivisi via samba). In questo caso propagherai il virus sulle macchine windows, ma per la tua macchina linux non ci sono problemi.

Citazione:ClamAV può risultare utile nei sistemi dualboot Windows/Linux, o comunque quando si debbano condividere o trasferire dei file potenzialmente infetti da Linux a Windows (ad esempio prima di copiarli in filesystem condivisi, oppure per scansionare gli allegati delle mail o per l'uso combinato di programmi di terze parti come Samba o server di posta).

Ciao, Mauro
ciao footstep, quello degli antivirus su linux è una discussione vecchia che si ripropone sempre, anche su questo forum ci saranno altri thread in proposito, googolando poi ne usciranno milioni.
Sicuramente linux è un sistema meno vulnerabile rispetto a windows, hai dei repository sicuri dedicati alla tua versione, hai un sistema di facoltà più blindato (su o sudo), è un sistema che non ha backdoor nascoste a uso produttore, è un sistema che migliaia di utenti possono verificare dal codice sorgente, è un sistema "personal" poco utilizzato rispetto a windows e quindi crea meno "appetiti".
Detto questo io non ho le tue certezze, perché una prima volta potrebbe essere indimenticabile (in negativo), perché dipende da quali siti frequenti, da cosa e da dove scarichi, se leggi e ragioni prima di attivare le facoltà di amministratore; a ciò aggiungo virus (o malware, o trojan, ecc) che operano su linguaggi trasversali che girano anche su linux (es. java) e la diffusione di altri sistemi linux (su server e cellulari) che essendo i windows di quei settori sono obiettivi desiderati dai malintenzionati (e quindi potenzialmente esportabili con qualche correzione sui sistemi personal).
Cosa voglio dire? Che nei fatti il mio approccio quotidiano con linux rispecchia quello che hai espresso tu, ma aggiungo prudenza perché se fra sedia e tastiera si fanno scelte sbagliate nessun sistema operativo può salvarti da te stesso. Ciò non è sempre chiaro a chi utilizza da poco linux o comunque è inesperto di linux, perché il senso di sicurezza può indurre l'inesperto a scelte dannose.
Un caro salluto
Pagine: 1 2