Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Vediamo come fare un primo approccio ad Handbrake, uno dei migliori Software in circolazione per la transcodifica di dei vari tipi di filmati.

 

 



Handbrake è uno dei migliori Software in circolazione per poter modificare e convertire tracce Video e Audio dei più svariati formati.

Si tratta di un semplice software di ripping, capace di convertire tutti questi codec video: H.265, H.264, MPEG-2, VP8, VP9 e Theora. Sul fronte audio, sono altrettanti i codecs supportati: AAC / HE-AAC, MP3, Flac, AC3, Vorbis, E-AC3, DTS, DTS-HD, e TrueHD. Ma in che contenitore vanno a finire poi tutti questi formati? In MP4 oppure Mkv!
 
Handbrake necessita di Windows 7 SP1 e del .NET Framework 4.6 (infatti è scritto in C#), reperibile qui.
 
Una volta installato, compare questa schermata:
 
 
 
 
Per prima cosa, importiamo un file.
 
Clicchiamo su Open Source e selezioniamo File (singoli files) oppure Folder (Strutture BluRay o DVD).
 
Una volta aperto, cominciamo a esplorare le possibilità offerte da questa pratica Gui di FFmpeg.
 
A destra vediamo una barra con dei Presets, utili nel caso in cui vogliamo fare un rip rapido e indolore.
 
In alto, abbiamo una barra con 6 comandi:
 
  • Open Source l'abbiamo già visto;
  • Start Encode permette di inserire il rip già impostato nella Queue e di farlo partire istantaneamente;
  • Add To Queue serve ad aggiungere il rip impostato alla Queue, ma non lo fa partire automaticamente;
  • Show Queue mostra la Queue;
  • Preview genera un'anteprima del rip per una lunghezza del filmato prestabilita, permettendo di vedere come uscirà il filmato finale senza perdere tempo a rifare un encode sbagliato;
  • Activity Log è il log delle attività, e contiene anche le informazioni riguardanti i vari encoders e decoders con relativo peso su RAM, GPU, e soprattutto CPU.
Sotto alla barra dei comandi troviamo la barra Source, che ci permette di stabilire il titolo (utile con l'importazione di cartelle), l'angolo e i capitoli, i frames o i secondi da considerare.
 
La barra Destination serve ad impostare il titolo del file in uscita.
 
Output Settings imposta il contenitore del file, permettendo di attivare supporto specifico per Web e/o iPod.
 
Ora entriamo nel vivo del ripping.
 
In basso a sinistra è presente una multitab con 6 schede.
 
La scheda Picture comprende 3 sezioni: Size, Cropping, e Output.
 
In Size possiamo impostare i seguenti parametri:
 
  • Width, la larghezza del filmato, espressa in pixels;
  • Height, l'altezza del filmato, espressa in pixels;
  • Anamorphic, l'Aspect Ratio (AR) del filmato. Consiglio di impostare su Automatic;
  • Modulus, ovvero di quanto deve aumentare o diminuire l'altezza o la lunghezza del filmato.
 
In Cropping invece possiamo impostare il taglio del filmato rispetto ad alto, destra, basso e sinistra, in pixel eliminati su ciascun lato.
 
Output mostra semplicemente come risulterà l'immagine finale del filmato.
 
 
 
 
 
 
Nella tab Filters possiamo impostare diversi parametri per modificare l'aspetto del filmato finale.
 
I filtri disponibili sono 5:
 
  • Detelecine si rivela molto utile nel caso in cui il formato in ingresso è interlacciato, ovvero ha una specie di "effetto veneziana" particolarmente fastidioso, tipico dei DVD e dei BluRay antecedenti al 2012;
  • Deblock è una funzione che permette di correggere l'effetto pixelato tipico dei filmati a basso bitrate;
  • Deinterlace è utile nel caso in cui Detelecine non è sufficiente per correggere il difetto;
  • Decomb è una funzione simile a Detelecine. Ne consiglio l'utilizzo combinato;
  • Rotate è una funzione che permette di ruotare l'immagine fino a 270°.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Nella tab Video possiamo impostare parametri sul codec da impiegare nel rip;
  • La voce Video Codec permette di selezionare il codec video da utilizzare, tra: H.264, H.265, MPEG-2, VP8, VP9, Theora e MPEG-4;
  • La voce Framerate permette di modificare il numero di frames da mostrare in un secondo. Consiglio di lasciare il tutto come sta;
  • Le voci Costant Quality e Avg Bitrate permettono di determinare la qualità finale del filmato. Consiglio di impostare sempre il CRF tra 18 e 21 se non si ha idea di che valori impostare;
  • La voce Encoder Preset imposta la velocità alla quale deve essere eseguito il rip. Più lento è, migliore sarà il rip, ma per applicazioni personali consiglio di tenere il preset su Fast;
  • Encoder Tune permette di selezionare il tipo di filmato che si intende rippare per eseguire un lavoro migliore;
  • Infine, Encoder Profile ed Encoder Level permettono di selezionare il profilo ed il livello del file. Consiglio di impostarli ambedue su Auto.
 
 
 
 
 
Nella tab Audio è possibile gestire le tracce audio interne al filmato.
 
Con il pulsante Add Track, è possibile importare tutte le tracce presenti nel video, cliccando sulla freccetta verso il basso.
 
Cliccando invece sulla voce stessa, non farà altro che clonare la traccia precedentemente importata.
 
E' possibile scegliere il codec di destinazione per ciascuna traccia, tra AAC / HE-AAC, MP3, Flac, AC3, Vorbis, E-AC3, DTS, DTS-HD, e TrueHD.
 
Inoltre si può impostare il bitrate (Bitrate) o il QF (Quality) ed il numero di canali della traccia finale.
 
NB. Se parti da una traccia stereo e selezioni un bitrate e/o un numero di canali maggiore a quello di partenza, non avrai un aumento di qualità.
 
Cliccando sulla freccetta, è possibile impostare anche altri parametri, tra cui il Samplerate, il DRC ed il Gain, valori che sconsiglio di toccare se non se ne conosce la funzione, ed il titolo della traccia (Track Name).
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Nella tab Subtitles è possibile gestire le tracce di sottotitoli.
 
Questi, indipendentemente dal formato in ingresso, vengono ricodificati in SRT.
 
E' possibile sia gestire le tracce dei sottotitoli pre-esistenti nel video di origine in modo analogo a quanto avviene con le tracce audio, oppure importare tracce SRT esterne.
 
 
 
 
Infine, nella tab Chapters è possibile creare marche per capitoli pre-esistenti (Create chapter markers).
 
Tramite i pulsanti Export ed Import è possibile esportare ed importare le tracce dei capitoli nel formato CSV, TSV o XML.
 
 
 
Buon Ripping a tutti!